Per informazioni puoi scrivere un messaggio tramite WhatsApp

A Natale non ti azzardare, la campagna di sensibilizzazione per il contrasto del Gioco d’Azzardo Patologico promossa dalla Chiesa Avventista.

Dire no al gioco d’azzardo è una missione che dura tutto l’anno ed è un impegno concreto oltre che una promessa che la Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno ha deciso di mantenere, in continuità con la campagna di sensibilizzazione per un uso responsabile del denaro, iniziata lo scorso anno con il progetto “SOLO SE PUOI”. A Natale la proposta solidale della Chiesa Avventista è focalizzata al sostegno di chi lavora alla prevenzione del GAP, Gioco d’Azzardo Patologico, comunemente conosciuto come ludopatia, attraverso la campagna “NON TI AZZARDARE”, il cui ricavato sarà destinato a progetti sociali di prevenzione e cura delle “ludopatie”.

L’unico gioco responsabile è quello sano, quello in cui non si rischia di perdere denaro e nel quale la vincita o la perdita non dipendono dal caso. Quello con regole chiare e una funzione educativa e socializzante.

Ma di cosa parliamo quando diciamo “ludopatia”? Alcuni esperti sostengono che la ludopatia sia la patologia da dipendenza a più rapida crescita tra i giovani e gli adulti. In Italia ne sono colpite circa 900.000 persone. Si stima che il trend sia in continua crescita soprattutto a causa del web. Il dato complessivo parla di 16.000.000 italiani che giocano, dato utile per inquadrare il fenomeno di grave emergenza sociale. Queste e altre informazioni sono raccolte nell’opuscolo all’interno della scatola-dono solidale della campagna, in cui si spiegano il fenomeno del GAP e i motivi per cui la Chiesa Avventista si schiera contro la dipendenza da gioco d’azzardo.

Non mangiarti lo stipendio! In sintonia con lo spirito di condivisione proprio dei giochi da tavolo e il cucinare insieme in famiglia, nella scatola-dono ci sono anche gli stampi per realizzare cioccolatini a forma delle pedine degli scacchi….le uniche cose che si possono mangiare sono le pedine di cioccolato!

Inoltre nella scatola-dono solidale potrai trovare una scacchiera personalizzata con il logo della campagna e le istruzioni per il gioco di dama e scacchi, oltre alle ricette per i cioccolatini e i biscotti (baci di dama). Per chi lo desiderasse, nella scatola potrà essere aggiunto il libro “Ludocrazia. Un lessico dell’azzardo di massa” del giornalista Marco Dotti, fra i massimi esperti di gioco d’azzardo in Italia, in cui si fornisce una fotografia completa del fenomeno in tutte le sue dimensioni.

Non un semplice pacco solidale ma un manifesto di adesione per dire: “NO al GAP!”

La scatola-dono è anche un manifesto, infatti le organizzazioni non profit e gli enti che sposano la causa possono “firmarla” con i propri loghi perché il GAP si vince solo insieme! Ricorda, A Natale non ti azzardare…regala(ti) un segno concreto di cambiamento.

 

Il Bando di erogazione 2018: 100.000 euro per dire NO al GAP

Con la campagna NON TI AZZARDARE viene riproposto il bando di erogazione, lanciato con la campagna 2017 SOLO SE PUOI, che oggi sta finanziando 3 progetti virtuosi.

Il Bando 2018 si ripropone di sostenere progetti operanti sul territorio, nell’ambito del contrasto al GAP, capaci di apportare un significativo cambiamento della qualità della vita delle persone affette da GAP e in grado di sensibilizzare ed educare alla prevenzione verso i target più a rischio che sempre di più sono i giovani e giovanissimi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi