Per informazioni puoi scrivere un messaggio tramite WhatsApp

FONTI: DOSSIER “LOSE FOR LIFE” http://www.corriere.it/cronache/17_settembre_21/scommettiamo-132-euro-mese-gioco-azzardo-9fcb8b96-9e3b-11e7-a6ea-abd1a52d72e1.shtml E http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2017-09-21/gli-italiani-hanno-bruciato-gioco-d-azzardo-96-miliardi–142442.shtml?uuid=AEX4oIXC
Ricerca CNR 2015 e la relazione 2016 al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia: http://espresso.repubblica.it/inchieste/2017/02/03/news/gli-italiani-si-rovinano-mentre-i-privati-lucrano-cosi-siamo-diventati-il-paese-delle-slot-machine-1.294745

Secondo il dossier “Lose for life”, in Italia gioca il 47% degli indigenti, il 56% delle persone dal reddito medio basso, il 70% dei lavoratori a tempo indeterminato, l’80,2% dei lavoratori saltuari, l’86% dei cassintegrati. Inoltre il 61% sono laureati, il 70,4% diplomati, l’80,3% ha la licenza media, mentre il 47,1% ha tra i 15 e i 19 anni. Gioca il 58,1% dei ragazzi e il 36,8% delle ragazze. Infine il 4-8% degli adolescenti ha problemi di gioco, il 10-14% degli adolescenti è a rischio patologia e l’8% dei bambini tra i 7/11 anni usa denaro online.

Inoltre, secondo una ricerca curata nel 2015 dall’Istituto di fisiologia clinica del CNR, i ragazzi puntano ovunque: bar e tabaccherie (35%), sale scommesse (28%), il computer di casa (19%). E, nonostante la legge lo vieti, il 38% dei minorenni ha giocato d’azzardo durante l’ultimo anno.

È la vicinanza ad attirare gli adolescenti. Lo denuncia la relazione 2016 al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia: «Il 48% di chi non ha giocato d’azzardo durante l’anno riferisce di non avere contesti di gioco nelle vicinanze della propria abitazione o della scuola che frequenta. Circa il 44% degli studenti giocatori invece abita e/o frequenta una scuola a meno di cinque minuti da un luogo dove è possibile giocare d’azzardo». Per questo le Regioni per prime, tra le quali la Lombardia, hanno vietato l’installazione di slot-machine a meno di cinquecento metri da elementari, medie e superiori.

In Italia ci sono 397.000 macchine da gioco che significa 1 apparecchio ogni 151 abitanti. In Germania, per fare qualche confronto esplicativo del problema, 1 apparecchio ogni 261 abitanti, mentre in Spagna 1 apparecchio ogni 245 abitanti.

Il costo medio del gioco alla slot machine fa venire i brividi: 4 secondi € 1, 1 minuto € 15, 1 ora € 900. Lo ha denunciato la Corte dei Conti nella relazione sul rendiconto generale dello Stato: «Nell’ultimo quinquennio, nonostante un aumento delle giocate dell’ordine di 27 miliardi (+44%), l’utile erariale ha segnato una caduta dell’ordine di 300 milioni (-4%). E nel più ampio arco temporale 2004-2015, per ottenere un aumento di 1,1 miliardi del gettito da giochi (+15%), il valore delle giocate è dovuto crescere di 63,5 miliardi (+256%)».

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi